Questo ci passa il governo

    L’agenzia per il lavoro era fuori mano,non affollato come quelli del centro;era un posto simpatico Finalmente avevo diritto anche io a un po di fotuna.Certo,in questi momenti,non si puo essere molto ambiziosi,ma trovare un lavoro un o po più sicuro;un paio di mesi almeno di sopravvivenza e non quello che ,per un giovane ti riservano di solito. Come … Continua a leggere

Ti vendo!!!!!

    Ti vendo   Faccio in fretta un altro partito,monto la baracca e via,cambio zona itinerario, il mio indirizzo:il quirinal…saràC’é un’infelice ovunque appaio,voglio allargare il giro dei dementi miei.Io vendo i desideri tuoi e le speranze in confezione spray… Seguimi io sono la notte,il mistero l’ambiguitá…Io creo gli inciuci, io sono la sorte, ritorno non solo per vanitá. ma … Continua a leggere

Monti…monti ma chi t’ha chiammato?

    A quanno si arrivato e levat’ a dint’e pasticci nna vranga e sfaticaticati e gente senza onore e che piacere e fatt’ a sti fetienti che s’hannu magnato o pesce e pure a capa e manco lli spine a nuie ci’hannu lassat   Mmo s’appresentanto tutt’quanti n’zieme a nuovi Masanielli che vonno cagnare llu munno lu munno che … Continua a leggere

L’inciucio n 1

      E per la rete speranzoso andava gridando il folle:“Addio…Monti sorgente di sventurate leggi,elevato al cielo, in cima a inique imprese da tal vecchio compagno che ,ormai,di memoria vago. Note a chi è cresciuto tra fatica e sudor le tue gesta nella sua mente, non meno che l’aspetto de’ suoi familiari ormai morenti per fame e stenti, tal … Continua a leggere

Il re

Re Nano,come al solito era assorto nei suoi illuminati e illuminanti pensieri, d’un tratto sobbalzò,qualcuno piangeva a singhiozzi fuori ai cancelli della sua villaChi osava interrompere il suo pensare?Chiamò a se lo zerbino, detto anche Emilio da Media,priore dei falli striscianti, nonché capostipite e fedele narratore delle gesta del suo padrone , gli ordinò di andare a vedere cosa stesse … Continua a leggere

Disse la pecora

dicette la pecora A verità c’è chiù soddisfazione a essere na pecora e nò nù pucurone Cammin’à priesso ò gregge senza tenè pensieri è sì sicur’che à sera à casa t’arretiri C’è stà ò pastore cù nà schiuppetta mano, pront’à sparà nà pecora che ghiesce à fore à fila Comme si nùn bastasse,ò padron tutt’è pecore a mis’nà chiorma e … Continua a leggere

La felicità

a felicità Stà sera ,comme tutt’è ser stò’assettato nanz’ò compiuter Stà piazza nova cu cincucient’amici, parlammo do chiù e forz’do meno All’improvvis’qualcun m’addimanna “Carlo ma pè tè che dè a felicità ? “ So stat’nu mument’sulo e sulo Po’ aggiu guardato n’coppe ò ballatoio a do nà pianta e rose a anni mè cunzola Cert’è nà vecchia pianta, arravugliata miezo … Continua a leggere

madre….

mammà!!!! N’coppe a pelle N’front Rugh n’funn se perdono Ò tiemp’tuoio O’tiemp’mio C’è spartono stì lemmeti Comma e spond E nù sciummo Senza fine E lucche mie E silenzi tuoi L’uocchie tuie nun s’arrenneno, ma strigne e pugni sotto ò scialle l’utopie che m’accumpagnano le tue certezze ca te n’catenano l’allucche mieie e lacreme toie che nun sento Che nun’veco … Continua a leggere

certe volte

cierti vote Nà sera è Primavera Acqua che scenne malinconica A’nù cielo strano che s’è fatto vierno Nà butteglia è vino e….nuie Corre à capa commo è nuvole, comme à stà tempesta strana purtannece ricordi e primmavere chine e sole che guardavano…luntano scioscia lu viento attravierso nu spiraglio sciocia nnu viento gelato cu la vulutà dda stutà ppe sempe stà … Continua a leggere

Napoli centrale ore 22

  Napoli centrale ore 22 Aret’è colonne de tabbullune’ddà pubblicità e l’urdemo profumo,delli signuri che’annasconne a conzuzione e sta citta priggiuniera a chi parte:a chi arriva Cartuni che addiventano matarazzi ppe chi nun tene dimane ccu e mane n’chiuvate ppe se ffa na dose..n’illusione e vita Uommene,femmene e creature N’fila Attaccati l’uno all’ato cu ò filo spinato dà miseria che … Continua a leggere